indice dei post

Questo blog può essere inteso non solo come un diario di aggiornamenti ma anche come una fonte di informazione per i colleghi tecnici, una libreria di tecniche e problematiche varie legate all'edilizia od ancora come una vetrina delle realizzazioni progettuali dell'autore e dello studio professionale. Penso quindi possa tornare utile ai più raggruppare i post in categorie, linkandoli per una rapida consultazione. ho deliberatamente omesso alcuni post più vecchi o con argomenti superati, oppure post che hanno come argomento un qualcosa di temporaneo o di secondario. I post più vecchi  possono ovviamente essere letti scorrendo indietro la cronologia del blog.

Oltre a questa pagina di indice, i miei post sono anche suddivisi per etichetta o tag: alla destra di questo testo, leggermente in basso, trovate l'elenco di tutte le etichette: basterà cliccare su quella di vostro interesse per filtrare automaticamente tutti i post del blog con quello specifico argomento. Non tutti i post hanno però un etichetta, perché se per esempio di un argomento ho scritto un solo post, non ha senso avere una categorizzazione per un solo articolo.


Realizzazioni dello Studio di Progettazione (per aprire la pagina relativa cliccate sulla didascalia e non sull'immagine):
elegante ma non troppo

Problematiche, suggerimenti e dettagli esecutivi nel cantiere edile


Le procedure autorizzative

cassazione: rogito non è nullo per difformità "lievi"
perché il 1942 è il vero spartiacque normativo per la legittimità
controsoffitti, cartongesso e pratiche autorizzative
città consolidata e cambi d'uso in residenziale
sostituzione infissi in centro storico ed opere assimilate
DM 1444/68: gli standard sono puntuali o riferibili all'intero insediamento?
condizionatori ed autorizzazioni
Il nuovo decreto sull'applicazione delle prestazioni energetiche negli edifici
CILA ed agibilità
ristrutturazione edilizia leggera, pesante, parziale o totale
balconi e distanze minime
nuovo regolamento strutture ricettive extralberghiere Lazio settembre 2015
sentenza sulle distanze tra costruzioni e definizione di ristrutturazione edilizia
nuova circolare esplicativa sul cambio di destinazione d'uso (agosto 2015)
comprare casa: le verifiche da fare e i documenti da richiedere
ristrutturazioni e barriere architettoniche
il soppalco nel DOCFA: come rappresentarlo
la legittimità dei fabbricati ante '67 posti fuori dal PRG
come fare le visure catastali da soli, gratis
tettoie, pensiline, pergotende: post breve
il piano casa Lazio ed il progetto unitario
soppalco, palchettone, mobile letto: definizione e procedure autorizzative
evoluzione dei regolamenti edilizi di Roma Capitale fino al 1934
calcolo del fattore medio di luce diurna
il grande post delle distanze nelle costruzioni
canne fumarie: quando e come
un software per il calcolo del contributo di costruzione a Roma
aggiornamento piano casa lazio: modifiche pubblicate sul sito
sblocca italia in gazzetta: nuove considerazioni


municipio I centro storico: nuovo sistema di prenotazione on-line ed info varie
affittare un locale commerciale a Roma: vademecum per prorietari ed affittuari
staccarsi dal riscaldamento centralizzato: possibilità ed obblighi normativi
Il cambio d'uso di un locale commerciale in abitazione a Roma
La superficie minima di una abitazione è lorda o netta?
CILA a Roma: nuovi modelli e tante novità
il piano casa lazio ed il progetto unitario
vincoli normativi in funzione della complessità del progetto
considerazioni sulla bozza del decreto sblocca-italia
prenotazione on-line visura archivio progetti roma capitale
tende-pergotende-pensiline-tettoie: differenze tecniche ed autorizzative
serre captanti a Roma
le destinazioni ante PRG devono essere fatte salve
tavola sinottica degli standard urbanistici
dichiarazione di porzione di UIU
gli APE via PEC nel Lazio
visura storica catastale anche via email
il cambio d'uso per le imprese a Roma e non solo
la storia della fattibilità dei frazionamenti a Roma
sul concetto di doppia conformità nelle sanatorie edilizie

abusi ante 765/67 non possono essere demoliti?
piano casa lazio: dettagli sull'applicabilità di immobili funzionalmente autonomi
il cambio di destinazione d'uso da abitazione ad ufficio
fabbricati costruiti in modo difforme dal titolo abilitativo
aggiornamenti al calcolo degli oneri concessori a Roma: la circolare esplicativa di giugno 2013
la CILA a sanatoria: quali sanzioni?
la legittimità della preesistenza: come cercare la documentazione
il protocollo d'intesa SBAB - Roma Capitale
tutela del centro storico di Roma: cosa è possibile autorizzare
il piano casa nei condomini: il nodo dell'adeguamento strutturale
l'agibilità nei condomini: che fare se non c'è?
tavola sinottica degli interventi edilizi a Roma: ammissibilità e procedure
La CILA a Roma: i segreti per non sbagliare
gli oneri concessori per le ristrutturazioni a Roma

Mie considerazioni sull'Urbanistica

Il fisco

92 commenti:

  1. i miei più sentiti complimenti per il blog...lo seguo da poco ed è molto utile per chi, come me, sta per terminare l'università e inizia a fare esperienza nel mondo del lavoro...avendo alle spalle un'azienda familiare che opera nel settore dell'arredamento e della falegnameria. Complimenti, anzi, grazie per il blog :)

    RispondiElimina
  2. Buongiorno,
    nel 1988 presentatai la domanda per l'unione di due appartamenti da adibbire a mia residenza. In seguito alla separazione dalla mia ex moglie ho provveduto ad una nuova separazione riportando le cose all'originale situazione.
    Siccome al catasto le cose sono sempre rimaste ante modifica e avendo riportato gli appartamenti alla situazione catastale, posso dimenticare la domanda presentata al comune e procedere alla donazione verso mio figlio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la pratica edilizia del 1988 è stata correttamente chiusa con dichiarazione di fine lavori, occorre presentare una nuova pratica edilizia per poter frazionare nuovamente le unità abitative. Se non è stato fatto l'aggiornamento catastale dell'unità fusa e se desidera ripristinare gli stati di fatto esattamente come riportato in catasto, può anche evitare di fare le variazioni planimetriche: in pratica al catasto è come se non sia mai successo nulla. Mentre invece le pratiche urbanistiche non possono essere "dimenticate" ma bisogna sempre riproporre nuove pratiche per modificare gli stati urbanistici precedentemente assentiti.

      Elimina
  3. Mi scuso in anticipo se sbaglio il posto dove postare...
    ma volevo in primis fare i complimenti per il grande lavoro che state facendo a tanti architetti neofiti come me che vogliono buttarsi nel marasma della libera professione a Roma...

    Poi volevo chiedere una cosa, un mio amico sta vendendo un immobile datato 1944, del quale non si riesce a trovare la licenza<concessione edilizia.
    Siamo riusciti ad arrivare al nome dei costruttori, ad un certificato di agibilita relativo solo ai locali commerciali...al dip.IX risulta un numero di cartella che poi è VUOTA...

    Della licenza edilizia nessuna traccia.
    E per questo motivo, il municipio competente non accetta nuove Scia, le rigetta perchè incomplete.

    Potrebbe essere un problema di perdita di dati degli archivi competenti.

    Come fare?
    Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente si sono persi il progetto: non è il primo caso, ed è capitato anche a me. Ho risolto raccogliendo tuti i dati in una relazione tecnica nella quale descrivo le ricerche effettuate, soprattutto la risposta ufficiale del dipartimento circa la non reperibilità degli atti. Se non ti hanno risposto in modo ufficiale, puoi fare una richiesta di accesso agli atti ed in quel caso sono obbligati a risponderti per iscritto. Se non si trova nulla, al municipio non possono impedirti di depositare la pratica, perché magari l'immobile ha bisogno di interventi di restauro non procrastinabili (per esempio).

      Elimina
  4. 2 QUESTIONI.
    Buongiorno collega. Ringraziandoti sempre per il lavoro di divulgazione e di consiglio, ti disturbo per 2 questioni.

    PREMESSA: Edificio degli anni '30-'40 in zona Arco di Travertino, costruito da un signore che lo ha poi lasciato in eredità ai 3 figli: 5 appartamenti, un giardino tutto intorno su 3 lati (recintato, chiuso con due cancellati e con accesso solo dal vialetto di ingresso comune e non dagli appartamenti a piano terra), un box al piano terra con ingresso carrabile privato ed 1 cantina quasi totalmente interrata che ha la stessa superficie di uno degli appartamenti a piano terra. Solo un appartamento dei 5 era stato già precedentemente venduto.
    Quindi questi 3 fratelli, ormai settantenni, hanno in totale 4 appartamenti, 1 box, il giardino su tre lati di cui sopra ed 1 cantina (non accatastata).
    L'anno scorso feci per loro una stima solo dei 4 appartamenti.
    Devono ora dividere tutto questo in 3 parti per poi poter vendere ciascuno per conto suo la propria parte.
    Mi chiedono ora di fare una stima anche del giardino (dividendolo in due e dando ciascuna parte, come dipendenza esclusiva, ai 2 appartamenti al piano terra) e della cantina (che però non è accatastata).

    1ma QUESTIONE: accatasto ex novo la cantina (quindi attribuendole un nuovo sub) oppure la accorpo come accessorio indiretto ad uno dei 4 appartamenti e poi, di questo appartamento, faccio la variazione per unità afferente?

    2nda QUESTIONE: rispetto al giardino (che quindi non è condominiale perchè vi si accede tramite accesso privato dal vialetto condominiale) come mi devo comportare? E' di loro proprietà perchè il padre ha lasciato tutto l'edificio con il giardino compreso, ma come va diviso? Come ci si comporta a livello catastale dal momento che ad oggi non compare al catasto?

    Grazie mille,
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      il giardino dovrà comparire quantomeno nel catasto terreni: se è accatastato lì, va già bene: di fatto è un bene comune non censibile, al quale puoi volendo attribuire un nuovo subalterno se non cel'ha già. Se vuoi dividerlo, puoi frazionarlo ed annetterlo alle 4 unità: in questo caso lo rappresenterai nelle planimetrie degli appartamenti, che quindi dovrai rifare.
      La cantina puoi accatastarla per conto suo, non c'è bisogno di annetterla, ma dovrai specificare che appartiene a tre persone diverse. Se vuoi, invece, puoi annetterla ad una delle unità oppure ancora frazionare anche questa e fare quattro cantine per ciascun appartamento. In questo secondo caso dovrai prima presentare una DIA al municipio.

      Elimina
  5. Ciao,
    il giardino è quindi "bene comune non censibile" anche se possono entrarvi solo i 3 fratelli con chiavi proprie, mentre invece il proprietario dell'unico appartamento non di proprietà dei fratelli non può accedervi?
    Ma allora, se è bene comune non censibile, per frazionarlo e poi annetterlo alle 4 unità devono avere il consenso del condomino esterno alla famiglia?
    Comunque ho controllato e no, non è accatastato nel catasto terreni…..
    Grazie,
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quanto ne so - ma non ho mai avuto necessità di approfondire la questione - il "bene comune" per essere tale deve essere in comunione con più persone, e non necessariamente queste più persone devono coincidere con la totalità dei condòmini di un condominio. La cosa dovrebbe però essere specificata nei rogiti di acquisto, o quantomeno nei rogiti più vecchi, che però mi sembra di capire che nel tuo caso non esistano. Per la costruzione è stata chiesta una licenza oppure si è trattato di un volume costruito senza titolo e poi condonato? anche lì potrebbe essere specificato qualcosa che può tornarti utile (devi sempre partire dalla legittimità urbanistica per capire come muoverti). Alle perse, se sei in dubbio, secondo me la cosa più chiara sarebbe frazionare gli appezzamenti ed annetterli agli appartamenti dei fratelli, facendo una pratica edilizia di appoggio: diventa così tutto più chiaro anche in vista di future cessioni dei beni.

      Elimina
  6. Va bene, ti ringrazio per le dritte preziosissime!
    Ci ragiono un po' su…..
    Cristina

    RispondiElimina
  7. Salve di nuovo architetto…..
    Stavolta domanda secca secca:
    1) zona "O" di Piano particolareggiato di esecuzione del PRG
    2) terreno edificabile ricompreso nel perimetro di piano
    3) nuova edificazione
    E' esclusa in questo caso o no la possibilità di nuova costruzione mediante presentazione di DIA in alternativa al Permesso di Costruire?
    Grazie come sempre e Buon Natale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul sito del Comune troverai senz'altro gli elaborati del piano di zona: lo stesso piano ti darà indicazioni su come procedere all'edificazione. Se il piano di zona raggiunge livelli abbastanza approfonditi paragonabili ad un piano di lottizzazione o ad un piano particolareggiato, allora si può edificare in DIA.

      Elimina
  8. Buongiorno architetto. Mi piacerebbe avere un suo commento in merito alla seguente situazione. Cagliari: palazzina ad uso residenziale, composta da 4 appartamenti a piano, costruita nel 1988.
    Il progetto di cui alla concessione edilizia prevedeva al piano rialzato un appartamento che, in assenza di progetto di variante ed in fase di realizzazione, è stato frazionato in due distinte unità immobiliari: una di queste subisce un lieve ampliamento delle superficie rispetto al progetto approvato così da occupare una piccola porzione di pianerottolo condominiale.
    L’atto di vendita dei due appartamenti è conforme a quanto realizzato e a quanto regolarmente accatastato.
    Si vuole procedere all’accertamento di conformità del frazionamento. Il tecnico comunale afferma che l’abuso realizzato non è sanabile in quanto uno dei due appartamenti occupa una porzione di area condominiale. Il proprietario dell’appartamento in questione non avrebbe titolo per procedere. Stando al tecnico occorrerebbe un atto di cessione dell’area condominiale da parte di tutti i condomini. Cosa ne pensa? Quale strada si potrebbe seguire per ottenere una risoluzione della diatriba? La ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il tecnico comunale ha ragione ma fino ad un certo punto: il comune infatti rilascia i titoli edilizi sempre fatti salvi i diritti di terzi, quindi, in buona sostanza, non si preoccupa di eventuali violazioni di norme civili, e dovrebbe rilasciare i titoli edilizi senza preoccuparsi di eventuali problematiche di questo tipo. Ciò non toglie che l'atto di cessione della superficie condominiale debba comunque essere richiesto ed ottenuto, altrimenti l'ampliamento a discapito della superficie condominiale comunque non è legittimo, ed in fase di rivendita l'immobile sarebbe comunque gravato da vizi. Sulle aree condominiali tra l'altro non vale nemmeno l'usucapione, altrimenti sarebbe convenuto procedere così. Direi di provare ad ottenere questo atto di cessione di superficie, magari anche a titolo oneroso, e, una volta ottenuto, procedere al comune con la sanatoria edilizia.

      Elimina
    2. Grazie per la sua celere risposta. Approfitto per togliermi un dubbio ed eventualmente passare nel suo ufficio per poter discutere la fattibilità...... è possibile (mantenendo la volta che come dice giustamente è strutturale) pareggiandola con un controsoffitto e recuperare l'altezza abbassando il pavimento????
      grazie mille

      roberto

      Elimina
  9. Buonasera architetto!
    Questione: nuova costruzione di una villa bifamiliare (piano interrato con cantina ed autorimessa + piano terra + piano primo + sottotetto) = 103 mq di SUL.
    Leggo sulle NTA del Comune di Roma che "Le superfici per cantine o depositi asservite a destinazioni residenziali non devono superare il 10% della SUL".
    Ma questa disposizione è riferita a tutte le cantine? Anche a quelle interrate completamente?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed inoltre: qual è l'altezza di un sottotetto (cui si accede tramite la scala tra primo piano e sottotetto stesso) che NON lo fa rientrare nel calcolo della cubatura? Tra le nozioni che so e quello che leggo nelle NTA non capisco.

      Elimina
    2. Si, le cantine non possono superare il 10% della SUL: forse è un primo barlume di norma contro il famoso abuso della sala hobby. Non mi ricordi sinceramente di preciso, ma mi pare che sia 1,50mt.

      Elimina
  10. Grazie!….per le cantine ok……per i sottotetti: ma perchè io mi ricordavo sotto i 2.20 m = non "curabile"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente il dato nello specifico non me lo ricordo...comunque si, potrebbe essere, ma forse 2,20 si riferisce all'abitabilità.

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Buongiorno di nuovo!
    Questione: Roma, appartamento in edificio inserito all'interno della Carta della Qualità (e segnalato in magenta scuro come "opere di rilevante interesse architettonico o urbano"). Lavori di manutenzione straordinaria (nuova distribuzione interna, pavimento radiante, sostituzione infissi, controsoffitto alto 60 cm, portante, per riporre le solite cose di utilizzo meno frequente). In più: l'altezza della soglia delle finestre (così come l'altezza della ringhiera del balcone) si trova a poco più di 80 cm da terra. Pertanto, tramite barre di ferro, voglio portare l'altezza "di affaccio" a 110 cm da terra. Quindi, detto tutto ciò (data la presenza di controsoffitto ed il "cambiamento esterno"), l'intervento rientra in SCIA.

    Prima domanda: occorre presentare il calcolo del soppalco (9 mq) al Genio Civile (!!!????) prima di presentare la SCIA?

    Seconda domanda: per posizionare esternamente alle finestre ed al di sopra dell'attuale ringhiera del balcone le barre di ferro devo richiedere, prima di dare inizio ai lavori, il parere della Sovrintendenza Capitolina (e quindi attendere almeno 60gg prima del l'eventuale silenzio-assenso). Ma, così facendo, per iniziare l'intero lavoro di opere interne devo aspettare questi 60 giorni (che invece sono necessari solo per il parere relativo alle barre di ferro esterne!). Premesso che non posso attendere così tanto per far partire l'intero lavoro, mi conviene allora presentare sia una prima SCIA senza l'indicazione delle barre di ferro (così che intanto possano iniziare i lavori interni), sia una seconda SCIA in cui inserisco solo l'aggiunta esterna delle barre di ferro, attendendo, per tale intervento, il parere della Sovrintendenza?
    Grazie come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao. se l'immobile è campito come dici, allora il parere della sovrintendenza capitolina serve anche per per le semplici opere di MO, dunque il parere, in teoria, andrebbe chiesto pure per tinteggiare le pareti. Devi comunque passare prima dalla sovrintendenza, comunque per esperienza personale ti dico che molto spesso rispondono in una ventina di giorni (è un ufficio abbastanza efficiente). Per il soppalco in teoria serve il deposito al genio, ma è comunque un progetto strutturale che non va in collaudo, dunque va depositato e basta. mi pare che comunque occorre aspettare trenta giorni, ma su questo punto non sono sicuro. Altrimenti lo dichiari come controsoffitto non avente ruolo strutturale, ma poi dovrai indicare ai committenti che non potranno usarlo come soppalco (poi faranno come gli pare).

      Elimina
  13. Ma per caso bisogna fare riferimento all'art.16 delle NTA?……Devo leggere l'articolo….

    RispondiElimina
  14. Marco complimenti! Tutti i blog sono davvero molto interessanti e ben fatti!
    E' davvero raro trovare professionisti come te che realizzano tutto questo ed elargiscono consigli a colleghi in difficoltà.
    Complimenti davvero, per la tua passione, la tua competenza e il tuo entusiasmo!
    arch. Rita Passerini, Milano

    RispondiElimina
  15. Salve Architetto,
    Le faccio i miei complimenti per l'ottimo lavoro di divulgazione.
    Vorrei porLe un quesito. Dovrei fare dei lavori all'interno dell'appartamento appena acquistato a Roma,(tinteggiatura, sostituzione e spostamento di termosifoni, rifacimento totale del bagno con sostituzione della vasca da bagno con box doccia e infine- nocciolo della questione- tirare su un tramezzo tra zona giorno e cucina). Nel catastale che mi è stato consegnato tale tramezzo era presente nel progetto. Per tali lavori devo presentare la CILA? e come devo regolarmi se tirando su il tramezzo vado a ripristinare lo stato rappresentato nel catastale? devo presentare una CILA in sanatoria?
    La ringrazio se vorrà darmi delle delucidazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in linea teorica, bisognerebbe fare una SCIA per "risanamento conservativo" finalizzato al ripristino dello stato legittimo. Ma, detto fra noi, puoi ripristinare la situazione direttamente, a patto che ripristini l'esatto, identico stato ultimo legittimo.

      Elimina
    2. Ti ringrazio per la celere risposta. Risanamento conservativo in quanto ripristino degli elementi costitutivi (anche se non strutturali)? In sostanza potrei presentare la CILA, e rappresentare negli elaborati solo gli interventi nel bagno? Posso considerarli manutenzione straordinaria e usufruire della detrazione? O meglio, vorrei cercare di ricadere proprio in questo caso...
      Grazie.
      Buona giornata

      Elimina
    3. il risanamento conservativo, per espressa volontà del Dipartimento (in non mi ricordo quale circolare), può essere usato anche per ripristinare situazioni tipo la tua. Altrimenti puoi procedere come dici: fai una CILA come se le opere fossero ancora da fare (a questo punto falla almeno "in corso d'opera") e comunque lo spostamento della parete ti fa ricadere in manutenzione straordinaria quindi potresti accedere alle detrazioni.

      Elimina
  16. buongiorno Marco,ùcomplimentei sempre ed ancora per il meraviglioso servizio che svolgi con puntualità e precisione. Davvero utile.
    Ti pongo un nuovo quesito. Sto realizzando uno studio di registrazione e sale prova sulla circ. Gianicolense. L'immobile sarà costituito da una sala in muratura, il bagno e poi altre sale composte da solo cartongesso e strati di lana di roccia di diverse densità tenuti in piedi da telai in legno. Finiture in legno o tela. L'impresa sarà una sola, per ora opera per realizzare le dorsali degli impianti clima e elettrico, tra quattro settimane cominciamo con il massetto, la muratura e le "scatole" di legno. L'impresa ha richiesto l'adeguamento in camera di commercio per poter operare con cartongessi e muratura.

    Questo il quadro, le mie domande.
    - fin tanto che l'impresa non ha titolo per eseguire murature o cartongessi ci teniamo solo su impianti elettrico e clima, per questi l'impresa è OK. Non appena registrano il cambiamento in camera di commercio procediamo con le successive lavorazioni. Così l'impresa presente è e resterà sempre una e non dobbiamo pianifica il reps. sicurezza. Oltretutto lo stesso piano delle lavorazioni prevede comunque uno scarto temporale significativo.

    - per la CILA necessaria (non vi è cambio di destinazione) sono indeciso se protocollare il laboratorio con solo le due stanze in muratura e tutto il resto libero, oppure tutto il lay-out definitivo con anche le "scatole" di legno. In questo la normativa a mio parere è incerta classificando a volte le opere in cartongesso come consolidate e perciò soggette a titolo ed altre volte no.

    un tuo parere su questi due punti sarebbe di grande aiuto.

    grazie,
    tommaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per il primo punto non vedo difficoltà a procedere come hai detto.
      per il secondo punto, io indicherei in CILA il layout effettivo: è opinione comune negli uffici tecnici municipali che il cartongesso usato nelle controsoffittature possa ritenersi un elemento paragonabile all'arredo, mentre invece se viene usato per realizzare delle pareti, allora vada considerato come muratura. Insomma non è tanto il materiale che fa la sostanza, quanto piuttosto l'effetto che alla fine si ottiene: cioè se hai effettivamente chiuso una stanza, se l'hai fatta di mattoni o di legno sempre una stanza rimane, e se ci devi far stare delle persone dentro, deve comunque rispettare le norme del regolamento edilizio e di igiene. Comunque è anche vero che si tratta sempre di materiali rimovibili, più simili all'arredo che non alla muratura (in questo sì, la normativa è molto incerta), quindi in caso di contenzioso, se decidessi di indicare nella CILA un open-space, avresti argomenti per discutere.

      Elimina
  17. Buongiorno Marco,
    vado al punto. Nel calcolo della cubatura realizzabile, i vani scala che portano dal piano terra al primo piano e dal primo piano al sottotetto non abitabile fanno cubatura? L'art.4 delle NTA, al punto, a), li esclude dal calcolo della SUL, ma il tecnico del IX Dipartimento mi ha detto che sono escluse solo le scale dell'interrato. Potresti chiarirmi le idee? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'art. 4 esclude le scale quando si tratta di elementi condominiali di distribuzione tra più immobili (quando sono in sostanza delle parti comuni) mentre invece se sono scale interne all'immobile, fanno cubatura. Quelle che vanno all'interrato non fanno cubatura non per il fatto di essere scale, ma perché tutto l'interrato non fa cubatura, e quindi nemmeno le scale che si trovano all'interno di quel volume.

      Elimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Ciao Marco,
    problema Docfa. Occore presentare una pratica Docfa per variazione planimetrica dovuta a Cila presentata nel febbraio 2011 (la fine lavori non è mai stata consegnata…..tanto per la Cila non servirebbe). Premetto che nell'appartamento c'è stato solo uno spostamento di un tramezzo di 30 cm più a sinistra ed un raddrizzamento di un piccolo tramezzo del disimpegno che prima era inclinato (stop!).
    Problema: vado ad inserire nella Relazione generale del Docfa la causale "Variazione planimetrica successiva a opere di manutenzione straordinaria autorizzate dalla Cila numero…"????….e noto che non c'è alcun numero di protocollo né data apposti dal Municipio sulla copia riconsegnata alla cliente! (e neanche, mi dice la cliente, nessun cedolino di attestazione versamento diritti di segreteria!). Quindi il collega che presentò la Cila non consegnò alla cliente né gli elaborati (grafici e scritti) protocollati né un cedolino di ricevuta pagamento (ma solo delle copie con il suo timbro e basta) e la cliente non si ritrova nessun'altra carta e non può rintracciare l'architetto.
    Io, che ora devo fare questo Docfa visto che la tipa ha trovato degli acquirenti a cui vendere la casa (ed al notaio occorre la pianta catastale corretta), cosa faccio?
    1. Inserisco nella relazione generale la sola data dell'elaborato Cila ed il nome dell'architetto che dovrebbe averla presentata e spero che non facciano storie?
    2. Oppure cosa?
    Se veramente la Cila non fosse stata mai presentata, la cliente avrebbe commesso un abuso credendo invece di aver fatto tutto in regola (anche se poi non ha fatto la variazione catastale nei tempi corretti).
    Grazie e buon primo maggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      alcuni municipi non timbrano la copia che restituiscono, ma comunque stampano una ricevuta di protocollo e te la devono consegnare: idem per la reversale. Se non c'è modo di contattare il collega, occorre andare a fare un accesso agli atti al municipio: prova ad andare direttamente all'ufficio protocollo e chiedere: con i dati del titolare dell'istanza dovrebbero poter risalire alla pratica. a quel punto, trascrivi il numero di protocollo e sei a posto, ma contestualmente farei una domanda di accesso agli atti per averne una copia. Sul docfa inserisci il numero di protocollo, non mandare un docfa senza nulla, altrimenti se pure ti passassero il docfa ma la cila in effetti non fosse mai stata presentata, il problema sarebbe il tuo che avresti commesso, sebbene in buona fede, falso in atto pubblico.

      Elimina
  20. Ciao, leggo sempre con attenzione i tuoi approfindimenti e devo dire che negli anni sei riuscito a costruire un bel blog di orientamento, spesso risolutivo approfondimenti a parte sempre necessari! HO una domanda che mi fa impazzire, stante il PRG di Roma Capitale vorrei evitare ogni volta di chiedere al tecnico territoriale in quale zona omogenea ricade un fabbricato nei vari tessuti della città storica, dove vado a pescarmela? Nelle NTA trovi le indicazioni specifiche nel merito degli interventi per ciascun tipo di tessuto e la classificazione delle Zone Omogenee DM 1444/68, nel PRG trovi i tessuti .. ma dove trovi esplicitamente indicato se un fabbricato è in A, B, etc? Capita spesso che fabbricati di uno stesso tessuto (p.e. T4) ricadano in zone omogenee diverse .. ma questa info sembra di licenza esclusiva del municioio .. avrai una rispsota anche per me? Grazie.

    RispondiElimina
  21. le NTA all'art. 107 indicano la corrispondenza tra tessuti e ZTO: non ti puoi sbagliare. Non può accadere però quello che dici: cioè che un fabbricato in tessuto T4 ricada in zone diverse, perché la città storica è tutta zona A per il PRG vigente. Se ti riferisci invece alla zonizzazione del vecchio PRG, la trovi nelle tavole del vecchio PRG che è visionabile qui: http://www.unoholding.it/prg/PRGdefault.htm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. buongiorno Marco e al collega. a proposito della lettura della città storica e di tutto il PRG vigente in generale c'è da dire che spesso non riesce subito a distinguere il colore esatto tra la legenda e la tavola. per esempio le tonalità di giallo nella città della trasformazione qualche problema iniziale lo creano.

      Elimina
  22. Gentile Arch.Campagna,
    la ringrazio davvero per la cura con cui gestisce questo Blog, che leggo sempre con molto interesse.
    Vorrei sottoporle una questione che mi crea alcuni dubbi su cui spero lei gentilmente possa aiutarmi.
    Dovrei presentare una pratica per manutenzione straordianaria.
    Il progetto prevede una ristrutturazione totale dell'appartamento con incremento dei servizi igienico sanitari da 4 a 6 bagni e una area relax richiesta fortemente dalla committenza comprensiva di vasca, doccia e lavabo in camera da letto matrimoniale; in Municipio mi hanno detto di non indicare questa area perché non necessario ma continuo a domandarmi se sia corretto e fattibile? e soprattutto in merito alla capacità della rete fognaria esistente, mi domando se non sia necessario un eventuale autorizzazione allo scarico in variante?(si tratta di una area con vincolo paesaggistico)
    Ringrazio anticipatamente di un suo prezioso parere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per il maggior carico nella fecale, difficilmente si supera la capacità della colonna principale, perché anche una colonna di diametro 100 ha una capacità generalmente molto superiore alle portate di una palazzina. Per quanto riguarda le attrezzature igieniche nella camera da letto, anche io non le indicherei: è sufficiente indicare la destinazione principale del vano. A meno che non sia un area chiusa con una porta, come un bagno che accede dalla camera: in questo caso ovviamente lo si indica come bagno.

      Elimina
  23. Buonasera Marco,
    dubbio-quesito-perplessità….
    Roma: immobile realizzato prima del 1934 con licenza datata 1925. L'agibilità, come plausibile, non c'è, ma l'Amministratore vuole richiederla a nome del condominio. E' corretto richiederla anche se in effetti trattasi di immobile ante 1934?
    INOLTRE: l'immobile progettato negli elaborati trovati presso l'Archivio capitolino è ABBASTANZA simile a quello poi realizzato, ma NEL PROGETTO ORIGINARIO:
    - l'atrio del piano terra si trovava in una posizione (vicina) ma diversa da quella attuale;
    - il portone di ingresso era rialzato di 3 gradini rispetto al piano strada (mentre attualmente il portone è a filo marciapiede) e quindi l'intero edificio risultava più alto;
    - non vi erano balconi: invece attualmente il 1° ed il 3° piano, sul fronte principale, hanno 1 piccolo balcone.
    Invece nel progetto originario gli interni degli appartamenti coincidono perfettamente con lo stato di fatto degli appartamenti attuali (o meglio, coincidono con lo stato di fatto di quegli appartamenti in cui non sono mai stati eseguiti lavori interni di manutenzione straordinaria).
    I 2 appartamenti "mai toccati" dal 1925 sono anche quelli che hanno il balcone e la loro pianta catastale riporta l'interno perfettamente aderente all'originario…ed anche il balcone però!
    Cosa può essere accaduto? E se l'amministratore volesse per forza ottenere l'agibilità, come si supererebbe il contrasto progetto originario-pianta catastale-manufatto realizzato?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CIao. immagino tu abbia gli accatastamenti del 1939: controlla che quelli siano coerenti con lo stato di fatto, perché se quelli sono a posto, allora puoi fregartene del progetto, soprattutto per quanto riguarda i balconi.
      L'agibilità l'hai cercata anche nel librone delle agibilità lì all'archivio capitolino? è strano che non ci sia. Comunque, tecnicamente, trattandosi di ante 1934 non sarebbero obbligati a richiederla, ma formalmente una qualunque opera di modifica successiva di anche una delle unità immobiliari, invece, lo necessiterebbe. Diciamo che sulla questione c'è un vuoto normativo-amministrativo.

      Elimina
  24. Buonasera Architetto.
    Avrei bisogno di un chairimento. Ho un vecchio alloggio al Piano Terreno da accatastare costiutito da soggiorno, cucina, camera, bagno disimpegnato e cantina. Davanti alla cantina, posta a fianco del bagno, è presente un vano (che non saprei come definire, corridoio?) separato dal disimpegno del bagno da una porta. Il mio dubbio è se poligonare la cantina e il relativo vano di rosso o di giallo. Grazie anticipatamente per una sua eventuale gentile risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. salve Diego, dalla sua breve descrizione gli spazi che lei chiama "cantina + spazio non ben definito" sono comunicanti con il resto dell'alloggio. però data la situazione dell'alloggio che si sviluppa tutto su un piano mi viene da pensare che debbano essere considerati come principali locali accessori. quindi anch'essi inglobati nel rosso.
      io la vedo così, in attesa della risposta chiarificatrice dell'arch. Campagna.

      Elimina
    2. Grazie mille per la cortesia dimostrata. Ero propenso anch'io a poligonare la cantina e lo spazio antistante con il rosso, ma preferivo avere una vostra conferma. Attendo comunque la risposta chiarificatrice dell'architetto. Buona giornata.

      Elimina
    3. occorrerebbe fare riferimento al titolo edilizio per capire che tipo di legittimità ha quel locale accessorio: se si tratta in effetti di una cantina o comunque di uno spazio non abitabile, andrebbe poligonata in giallo compreso lo spazio distributivo antistante. Altrimenti, in rosso.

      Elimina
  25. Grazie ancora, Architetto. Alla prossima.

    RispondiElimina
  26. Buonasera Marco, il dubbio è questo:
    appartamento all'interno di un edificio dei primi anni '20 inserito nella Carta della Qualità, per il quale è stato già ottenuto il parere favorevole della Sovrintendenza Capitolina e per il quale è stata già successivamente presentata la CILA per lavori di manutenzione straordinaria.
    Occorre spostare all'esterno il contatore del gas.
    Si è quindi chiamato l'Italgas per decidere il da farsi, ovvero aggiungere un tubo verticale in facciata, che si raccordi con quello già esistente che corre orizzontalmente lungo il piano terra, e collegarlo ad un nuovo contatore che verrà posto sul balcone (facendo quindi "morire" il vecchio contatore interno alla cucina che ora diventerà cameretta).
    1) Occorre comunque comunicare tali lavorazioni al condominio?
    2) Essendo l'edificio inserito nella Carta della Qualità, occorre un permesso della Soprintendenza Capitolina, nonostante tale operazione comporti semplicemente un obbligatorio "mettere a norma"? (Il braccio elevatore, chiedendo l’occupazione di suolo pubblico, può essere posizionato sul marciapiede).
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se è un immobile indivuduato come rilevante nella carta per la qualità allora tecnicamente anche la manutenzione ordinaria è soggetta a parere. Se siamo in morfologie degli ambienti urbani in teoria potrebbe non servire, ma dato che non ci sono indicazioni chiare sul punto, bisogna chiedere al municipio se accetterebbe la pratica anche senza il parere della sovrintendenza.

      Elimina
  27. Buonasera Architetto. Avrei bisogno di un chiarimento. Ho i seguenti subalterni tutti intestati alla stessa proprietà:
    sub. 1: abitazione
    sub. 2: box
    sub. 3: BCNC
    sub. 4: box
    sub. 5: deposito

    Per errore, i subb. 1,2,4 e 5 sono stati tutti associati al BCNC, mentre così non è. Vorrei sapere qual è la procedura corretta per dissociare il sub. 5. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. temo sia necessario ripresentare un DOCFA a rettifica del tutto, ma è una procedura che non mi è mai capitato di dover fare. Conviene sentire il parere dei tecnici dell'ufficio provinciale.

      Elimina
    2. Grazie. Proverò a contattare i tecnici.

      Elimina
  28. complimenti per il contributo che dai mediante il blog e soprattutto con le tue competenze. Cordiali saluti, Brizio MONTINARO
    P.S. ieri non riuscivo a pubblicare sul blog e ho inviato una mail al tuo indirizzo, ora se riesco a pubblicare semmai renderò pubblica la domanda.Grazie

    RispondiElimina
  29. Ok, sono riuscito a pubblicare, ora vorrei sapere se per porre delle domande vi sono specifiche sezioni o se sarai tu ad ordinarle per argomenti. La mia domanda tratta di un edificio vincolato nel quale hanno realizzato nel 1994 dei lavori con N.Oreste della SS.II. Nel 1996 hanno concluso i lavori e hanno comunicato con una semplice DIA le variazioni al progetto del 1996 senza passare dal N.Oreste Si tratta di soli lavori interni. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho ricevuto l'email ma rispondo qui: il problema della sovrintendenza è che tecnicamente è escluso poter ricorrere alla sanatoria, perché effettuare modifiche in un bene vincolato senza autorizzazione comporta comunque una procedura che prevede delle sanzioni, anche penali. Dunque bisogna vedere, nel vostro caso, se il vincolo riguarda anche gli interni dell'immobile oppure no. Se non li riguarda, allora si può sanare senza problemi; se invece si, occorrerà tecnicamente ripristinare lo stato dei luoghi come da autorizzazione rilasciata e quindi chiedere una nuova autorizzazione per modificare la situazione come si desidera.

      Elimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Buongiorno Architetto,
    per una pratica di condono mi trovo a dover determinare la cubatura di un'abitazione con falda inclinata. Al primo piano, quello mansardato, le altezze delle stanze variano da 3 m a 1.60 m e dopo quest'ultima altezza è dichiarato come sottotetto. Per calcolare la cubatura e la superficie netta fino a dove devo considerare gli spazi e con quale altezza? La pendenza del tetto è di 35 gradi.
    Se non sono stato chiaro, proverò a spiegarmi meglio.
    La ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cubatura abitabile è tutta quella che sta al di sopra dei 150cm di altezza, in genere. dipende comunque se è richiesto il dato di abitabilità o comunque di cubatura complessiva.

      Elimina
    2. Si tratta di un condono. Mi richiedono superficie netta e volumetria lorda dello stato post opera, quindi a quanto ho inteso non del solo abuso ma in generale dell casa compreso l'abuso.
      La dicitura è questa: “Si richiede un elaborato grafico quotato in originale a firma di un tecnico abilitato che riporti la situazione ante operam realizzata con licenza edilizia e post operam con superficie netta e volumetria lorda”.
      Grazie.

      Elimina
    3. se chiede la volumetria lorda, significa che vogliono sapere anche quella che non concorre a determinare la cubatura abitabile: a questo punto ci metterei anche le superfici al di sotto dei 150cm, ma se riesci a chiedere conferma a qualcuno dell'ufficio è meglio.

      Elimina
  32. Salve e complimenti per la mole di informazioni utilissime messe in comune. Sarei lieto di un parere. In un edificio dell'ottocento non protetto furono fatti degli interventi negli anni ottanta da cui deriva la planimetria catastale attuale. L'appartamento in questione, al secondo e ultimo piano, è conforme a quelle planimetrie ma non viene trattato nella documentazione autorizzativa relativa ai suddetti interventi . Nella planimetria iniziale del 40 è presente una ulteriore piccola stanza, forse una superfetazione esterna, non più esistente. A suo parere è necessaria una sanatoria?

    RispondiElimina
  33. Buonasera Architetto, sto preparando una procedura docfa per una diversa distribuzione interna e quindi nella schermata iniziale ho inserito n°1 unità immobiliare in variazione e n°1 immobiliare a destinazione ordinaria.
    Successivamente ho flaggato opzione altre e nel box ho inserito “divesra distribuzione interna” e fin qui tutto ok.
    Ora nella schermata successiva inserisco foglio particella e subalterno, poi inserisco categoria C/1 e classe dopodichè vado avanti ed inserisco il tutto.
    Ora quando vado nel classamento automatico, mi compare il foglio part sub vado sul box inserimento in cui inserisco la categoria la classe e la consistenza praticamente ho tutti i miei datti aggiornati, a questo punto inserisco la categoria e classe più elevata presenti e quindi inserisco C/1 classe 4 ed inserisco, ecco a questo punto mi ritorna sulla finestra di classamento vedendo con stupore che i dati sul classamento proposti sono esatti ma nel classamento automatico il programma nella casellina della categoria mi fa vedere 00 e consistenza vuota e non riesco a capire il perché.
    Forse mi sono perso qualcosa, premetto che lavoro con windows 8.1 grazie è una cosa urgente.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho fatto diverse prove ma nulla, ma ho provato ad aprire un altro file di variazione catastale con una categoria catastale a2 e li il classamento automatico funziona a dovere e quindi rimane da capire se è un problema di docfa oppure di un problema caricamento di tariffe

      Elimina
    2. non saprei non mi è mai capitato questo problema, mi dispiace.

      Elimina
    3. sto diventando furioso non riesco a capire perché non mi funzioni, se qualcuno gli è capitato mi faccia sapere grazie.

      Elimina
  34. Buonasera volevo sapere se per consegnare una diversa distribuzione interna con procedura docfa nella schermata dati generali volevo sapere la differenza tra "dichiarazione ordinaria" tra "art31 comme 336 legge 311/2004" tra "art31 comme 340legge 311/2004, grazie.
    Debbo consegnarla per un fine lavori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le leggi del 2004 erano specifiche per l'adeguamento della categoria, da utilizzarsi nel caso in cui il cliente aveva ricevuto l'indicazione dal comune di adeguare i dati catastali. Se non sussiste questa condizione si deve fare sempre dichiarazione ordinaria.

      Elimina
  35. Buongiorno Architetto, ho un permesso di costruire del 2009 per il quale è già stato prorogato ad Agosto 2016 il termine di ultimazione dei lavori grazie alla comunicazione di proroga del Decreto del Fare. Sa per caso se è possibile effettuare una seconda comunicazione per prorogare ulteriormente di due anni l'ultimazione? In caso contrario sarebbe possibile richiedere la proroga contenuta nel testo unico dell'edilizia?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la proroga può essere fatta una volta sola, dopodiché, a seconda delle norme locali, il titolo decade e deve essere ripresentato da capo, con integrale nuovo pagamento degli oneri concessori ed eventuale adeguamento alle normative eventualmente sopraggiunte nel frattempo.

      Elimina
  36. Buongiorno Architetto,
    Nel caso di manutenzione straordinaria con CILA e Notifica preliminare all'ASL, inviata nei termini per il coinvolgimento di 4 imprese, come si potrebbe determinare la violazione delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro?
    Mi spiego meglio: in base a che cosa l'Agenzia delle entrate potrebbe contestare al contribuente, che ha detratto le spese di ristrutturazione in sede di compilazione del 730, la violazione delle norme di sicurezza nei luoghi di lavoro?
    Le 4 ditte mi hanno rilasciato :
    1. Autocertificazione dell'idoneità tecnico professionale art 90 comma 9 lettera A Allegato XVII
    2.Autocertificazione art 90 comma 9 lettera B (nome e partita iva dell'impresa, regolarità dei versamenti dei contributi previsti dal DURC, la presenza di dipendenti e l'applicazione del contratto collettivo....)
    4.Dichiarazione art 14 "Disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute dei lavoratori" di non essere oggetto di provvedimenti interdittivi o di sospensione.
    Può bastare?

    Grazie!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. manca la notifica preliminare, che è quella che va inviata appunto quando si ricade nel caso di obbligo di nomina del coordinatore. Comunque secondo me a posteriori è difficile fare i controlli, posto che il rischio di essere sanzionati con la rimozione delle agevolazioni fiscali è sempre possibile.

      Elimina
    2. la notifica preliminare è stata fatta!

      Elimina
    3. e allora ci sarà stato anche un coordinatore della sicurezza ed anche il relativo psc. dunque non ci sarebbero profili di illegittimità per omesse procedure.

      Elimina
    4. Grazie Architetto e complimenti!

      Elimina
  37. Ciao architetto,
    mi trovo con un piano interrato di una palazzina anni 70 il cui progetto di concessione prevedeva una suddivisione in cantine che non è mai stata realizzata (il piano interrato è totalmente sgombero). L'edificio è regolarmente concessionato. Pensavo di fare una pratica per frazionamento passando dalle originarie 12 cantine a 8 (una ogni app.to) per poi accatastarle insieme all'app.to di cui diventano pertinenza. Secondo te va bene?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va comunque prima sanata la situazione attuale, e poi chiedere il nuovo internveto: il tutto può essere fatto anche nella stessa pratica.

      Elimina
  38. Buongiorno architetto. voglio aprire un velux sul tetto di una camera con tetto spiovente nel superattico. Il condominio è nel XIV municipio. Di quali autorizzazioni necessito? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'apertura di una velux è un'opera secondo me ricadente in DIA in quanto c'è modifica dei prospetti. Alcuni municipi potrebbero tuttavia accontentarsi della SCIA. nel 14 municipio ci sono molti vincoli paesaggistici: se vi ricadete, dovete prima chiedere l'autorizzazione paesaggistica semplificata. Se per realizzare la velux bisogna tagliare un travetto del tetto, serve anche la pratica strutturale con deposito al genio civile.

      Elimina
  39. Ciao Marco, dei colleghi mi hanno chiesto una mano per realizzare un chiosco in un parco pubblico a Talenti, parco S.Lazzaro. La proprietà del terreno è privata, ma la destinazione d'uso del lotto è verde pubblico. Secondo le NTA e al dipartimento d'urbanistica ci hanno detto che per realizzare l'opera è necessario un Piano Attuativo. A questo punto ti chiedo, come fare un Piano attuativo, chi sono i soggetti da coinvolgere , come muoversi? Grazie ancora

    RispondiElimina
  40. Salve Architetto e complimenti per il blog.
    Sono un ing. di Terni e dovrei fare una CILA per un appartamento sito in Via Arno n.33 a Roma. al Municipio mi hanno fatto sapere che occorre compilare il modello G1B..sa per caso di cosa si tratta?...Dovrebbe riguardare la Carta della Qualità..Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non esistono modelli G1b, ma è il nome di una tavola del PRG che va consultata per verificare se l'immobile non sia soggetto a vincolo di sovrintendenza capitolina, nel qual caso occorre verificare se è necessari o no il relativo parere

      Elimina
  41. Ciao Marca, anche io rinnovo i miei complimenti per TUTTO il tuo blog, che oramai consulto abitudinariamente prima di fare qualsiasi cosa ;-)
    Allora vengo oggi dal municipio di ROMA che mi invita ad utilizzare per il calcolo degli onerila "delibera del Consiglio Comunale N° 73 del 2010, poi modificata (ovviamente....) con la Giunta Capitolina N° 115/2011 dove prendendo a riferimento il Carico Urbanistico riferito alle classificazioni delle destinazioni d'uso posso estrapolare il valore Tum (rapporto fra V e K) ma come estrapolo Dnr ? in pratica nel mio caso devo aprire un ambulatorio veterinario in un locale C1 quindi a detta del tecnico devo fare una DIA per cambio di destinazione d'uso da commerciale a Terziaria = servizi per la corrispondenza delle categorie generali di destinazione d'uso delle NTA della Circolare esplicativa del 4/08/2015.. mi puoi aiutare? scusa ti ho scritto anche qui, che forse è piu appropriato...

    RispondiElimina
  42. Buongiorno Architetto e complimenti per il blog.
    Le pongo questo quesito: sto facendo una manutenzione straordinaria del mio appartamento e sto rifacendo l'impianto idrico sanitario. Se acquisto io il box doccia e relativo piatto presso un negozio e lo faccio posare dall'idraulico che svolge i lavori ho diritto a metterlo in detrazione al 50%? Oppure devo far comprare tutto dall'idraulico? Stesso discorso vale per sanitari e rubinetti.
    Io ho capito che se compro il materiale in autonomia ho iva al 22% ma posso detrarre al 50%. E' corretto?

    La ringrazio

    RispondiElimina
  43. Ciao Marco,
    avrei piacere di sentire un tuo parere rispetto ad una situazione spinosa.
    Mi trovo a redigere una CILA in sanatoria, necessaria per la futura vendita un villino su tre piani in provincia di Roma, relativa ad una piccola difformità interna (spostamento di un bagno al posto di un ripostiglio) rispetto alla planimetria catastale del 1964.
    Per scrupolo ho richiesto copia del progetto originale della licenza edilizia del 1950 e ho ahimè riscontrato delle rilevanti differenze sostanziali (spostamento della scala interna, modifica della sagoma con aumento di cubatura, apertura di una porta finestra, una porzione di copertura piana al posto di un tetto a falde, ecc.). A detta dei proprietari il fabbricato (edificato nel 1952) non ha subito alcuna modifica rispetto all'edificazione originaria (a parte ovviamente il bagno in questione). Se ne deduce che in fase di costruzione sono state introdotte le sostanziali varianti di cui sopra, senza alcuna comunicazione o progetto di sorta. Siccome a oggi tali difformità non sono ragionevolmente sanabili con accertamento di conformità (aumento di cubatura, opere strutturali, presenza di vincolo paesaggistico) e dal momento che nella CILA per opere interne non strutturali (attività libera) non occorre più asseverare la conformità con il titolo edilizio, mi chiedo se sia possibile presentare comunque la CILA solo per sanare la piccola difformità interna e allineare lo stato dei luoghi quanto meno al catastale, per consentire la compravendita dell'immobile.
    In tal caso quale responsabilità rimarrebbe in capo al progettista qualora venissero riscontrate le difformità rispetto al progetto originale?
    Ti ringrazio anticipatamente e ti invio cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che nella CILA non si debba più dichiarare la legittimità della preesistenza è una affermazione non vera: secondo me va sempre verificata. in ogni caso, se la situazione è sanabile, procederei con una sanatoria, anche se con l'aumento volumetrico la vedo dura.

      Elimina

Grazie per il commento. verifica di essere "nell'argomento" giusto: ho scritto diversi post su vari argomenti, prima di commentare controlla che il quesito non sia più idoneo ad altri post; puoi verificare i miei post cliccando in alto nel link "indice dei post". I commenti inseriti nella pagina "chi sono - contatti" non riesco più a leggerli, quindi dovrete scrivere altrove: cercate il post con l'argomento più simile. In genere cerco di rispondere a tutti nel modo più esaustivo possibile, tuttavia potrei non rispondere, o farlo sbrigativamente, se l'argomento è stato già trattato in altri commenti o nel post stesso. Sono gradite critiche e più di ogni altro i confronti e le correzioni di eventuali errori a concetti o procedure indicate nel post. Se hai un quesito delicato o se non riesci a pubblicare, puoi scrivermi in privato agli indirizzi che trovi nella pagina "chi sono - contatti". Sul blog non posso (e non mi sembra giusto) pubblicare le mie tariffe professionali: scrivimi un email per un preventivo senza impegno. Grazie.